Finale

Foto fatta da non si sa chi: “Paola e Roberta”

Con “Il grande funerale” è finito quello che io ho sempre chiamato un po’ presuntuosamente: “Il mio libro”. Racconti scritti più o meno due anni fa, sotto la spinta di una necessità inarrestabile ed anche un po’ ingenua, che si proponevano di indagare, senza censure e senza io giudicante, la fotografia dei ricordi attraverso particolari da niente, inezie. L’inizio è una morte sventata che è anche una specie di rinascita (e infatti è l’ultimo che ho scritto in ordine di tempo), la fine è invece rappresentata da morti vere che mi hanno segnata, dodici racconti in tutto, di diversa lunghezza, ma in genere piuttosto brevi, lampi. Ne ho pubblicato uno ogni giovedì, da fine ottobre ad oggi e nel cammino è nata una bella collaborazione con Roberta Toscano, mia amica da tempi immemorabili ed artista che ha dato un’immagine sua alle mie parole. In questi mesi, ogni lunedì io le mandavo un racconto, lei lo leggeva in anteprima (non li ha mai saputi tutti dall’inizio) e poi mi rispondeva inviandomi un po’ di proposte di immagini sue, ognuna con un titolo proprio, ne discutevamo insieme e poi, al giovedì pubblicavo racconto e immagine abbinata. 

Tutti racconti sono questi:

Tuffi di superficie

Domenico

La piscina

Hammam

La seduzione

Milano

La borsetta

La felicità

Il cappotto blu elettrico

Mio padre

Le mie morti

Il grande funerale

Sempre in questo cammino, a un certo punto, mi è venuta l’idea di pubblicare anche una poesia la domenica, ne avevo un po’ nel cassetto, scritte sempre nello stesso periodo dei racconti, quando c’erano immagini o pensieri che non riuscivano proprio a svilupparsi di più, che necessitavano della forma breve, di uno spazio di immaginazione libero tra le (poche) parole. Ne sono nati così 9 “Intervalli domenicali” abbinati ad altrettante fotografie di Roberta e a riguardarli adesso, alla distanza, mi sembra che abbiano un senso, che si inseriscano armonicamente nel progetto.

Questo per dire che nella storia del mio recente blog c’è stata una sorta di parabola, insomma, e tutte le parabole hanno un inizio e una fine. Quindi, di fatto, “Tuffidisuperficie”, il mio blog, dovrebbe finire qui. E però credo che lo terrò aperto comunque, sia pur senza più un filo rosso come è stato fino ad ora, senza un’architettura. Uno spazio aperto per scrivere, se mi andrà di farlo. Intanto insieme a Roberta decideremo anche cosa fare di queste nostre concluse fotografie. Voi non lasciatemi.fin

Pubblicato da paola

mi chiamo paola, sono di mezza età, ho un figlio di 14 anni, mio marito non c'è più. Mi piace scrivere, ma è sempre stata una cosa per me, un po' segreta; mi sono da poco trasferita a Torino, ho cambiato città e vita e così ho anche deciso di provare ad essere quello che sono. Scrivo spesso in prima persona perché non sono (ancora) capace di fare altrimenti, ma non tutto è stato vissuto da me così come è stato scritto. Dentro non ci sono solo io, ma la vita e le persone che ho attraversato. Ci sono i miei pensieri.

4 pensieri riguardo “Finale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: