Excusatio non petita (ma necessaria)

Oggi è giovedì e io avrei dovuto pubblicare il mio racconto del giovedì, come da programma. Però è anche il 2 di gennaio, l’anno è appena iniziato, il tempo è un po’ sospeso, ho appena visto una nuova casa, e io ho deciso di fare una pausa. Devo pensare.

Tutto ciò che ho messo all’aria -in piazza, direbbe qualcuno- da fine ottobre fino ad ora, risale a un po’ di tempo fa. Uno, due anni, anni faticosi. Racconti che mi hanno scavato dentro in un momento molto difficile, straziante, e che nella mia idea dovevano essere una specie di libro sul filo delle fotografie, immagini a due dimensioni che provavano a farne intravedere una terza, più segreta, solo accennata. Non mi piace spiegare, mi piace far immaginare, intravedere.

Ho ancora due, forse tre racconti da pubblicare, ma sono complicati per me, impegnativi. Così ci devo pensare. Rileggerli e rifletterci. Non riesco adesso come adesso a scrivere qualcosa di nuovo e nemmeno a trovare il coraggio di pubblicare quelli già scritti. Il fatto è che ora sono felice e come diceva mio marito -e io sono d’accordo con lui- non si può scrivere nei momenti di troppa felicità e nemmeno nei momenti di troppo dolore. Il mio scrivere è legato alla solitudine, al tempo fermo. E io invece sono in movimento, un bel movimento.

Let’s read in the next week. Buon anno nuovo a tutti

P.S. eccezionalmente, questa volta, la foto è mia e non di Roberta Toscano

Pubblicato da paola

mi chiamo paola, sono di mezza età, ho un figlio di 14 anni, mio marito non c'è più. Mi piace scrivere, ma è sempre stata una cosa per me, un po' segreta; mi sono da poco trasferita a Torino, ho cambiato città e vita e così ho anche deciso di provare ad essere quello che sono. Scrivo spesso in prima persona perché non sono (ancora) capace di fare altrimenti, ma non tutto è stato vissuto da me così come è stato scritto. Dentro non ci sono solo io, ma la vita e le persone che ho attraversato. Ci sono i miei pensieri.

One thought on “Excusatio non petita (ma necessaria)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: